Perché con un Curriculum Vitae in formato europeo non troverete mai lavoro

curriculum

Una delle cose che maggiormente mi infastidisce quando leggo un curriculum vitae è quando mi trovo davanti ad un formato europeo. La mia convinzione che questo modello non sia funzionale e anzi penalizzante per il candidato mi ha portato negli anni a scoraggiarne l’utilizzo, tranne nei casi in cui è espressamente richiesto dall’azienda.

Ma perché c’è chi continua a richiederlo?

Fino ad alcuni anni fa era un formato efficiente che semplificava il lavoro degli addetti alle Risorse Umane perché era in grado di sintetizzare e razionalizzare le informazioni base sul candidato e ordinare con criterio i titoli e competenze. Ancora oggi ovviamente ha queste caratteristiche, ma non sono più queste le caratteristiche che vuole leggere un HR Manager.
Infatti questo modello funzionava quando la competizione era meno elevata, cioè quando per un posto si candidavano 100 persone e solo 10 avevano i requisiti necessari. Oggi invece per lo stesso posto si possono candidare 400 persone e la metà dei curricula sembrano descrivere la persona ideale. E allora chi scegliere per procedere alla fase del colloquio? 200 persone è impensabile!

Oggi dal vostro CV non deve trasparire solo ciò che sapete fare, ma anche che tipo di persona siete. Un buon CV, scritto con chiarezza e formattato correttamente, deve rispondere ad alcune domande agli occhi di chi lo sa leggere. Per esempio: è una persona attenta ai dettagli? Ha spirito di iniziativa? O è troppo legato agli schemi e al sapere teorico? È in grado di impegnarsi seriamente?

Ognuno di noi ha un modo di esprimersi e comunicarsi, e questo deve trapelare dal modo in cui ci presentiamo con il CV. Per questo un modello unico, come il formato europeo, non può descriverci al meglio e non aiuta il responsabile delle risorse umane ad individuare la persona giusta per un determinato ruolo. Chi richiede ancora il formato europeo, per rispondere alla domanda iniziale, è probabilmente troppo ancorato a un sistema di selezione del personale stantio, basato su un sistema burocratico volto a calcolare i punteggi di un CV e non a ricercare la persona più indicata per quel ruolo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...