I punti chiave del Jobs Act

normativa jobs act

Quando si parla di Jobs Act, normative e discipline giuridiche in generale, occorre sempre individuare due parole chiave: variabilità e incertezza.

Spesso infatti prima che un provvedimento diventi definitivo occorrono varie revisioni e ai cittadini arrivano solo alcune informazioni, perché spesso i media ne trascurano una parte.
Il tema caldo di quest’anno è quello dell’articolo 18, ampiamente trattato e spiegato da Ichino, in questa sede farò solo menzione di questo dibattito, per concentrarmi su altri temi altrettanto importanti, anche se meno rumorosi.

Il governo intende modificare il regime del reintegro così come siamo abituati a conoserlo nell’articolo 18. Il reintegro viene eliminato per i licenziamenti economici e viene sostituito con un indennizzo economico certo e crescente con l’anzianità: questo significa che rimarrà pertanto la possibilità di reintegri dopo licenziamento disciminatorio e per violazioni gravi sui disciplinari. Ciò che è stato l’argomento caldo, che ha suscitato scontri e dibattiti accesi è sostanzialmente rimasto invariato. C’è da capire tuttavia se questo è un bene o un male.

Analizziamo perciò nel dettaglio gli altri punti del Jobs Act, che a mio giudizio non sono trascurabili:

  • Semplificazione dei contratti: riduzione dei contratti, a partire dal co.co.pro. favorendo la centralità del tempo indeterminato, nella salvaguardia dei dipendenti e dei rapporti di collaborazione con gli imprenditori. Fondamentalmente si dovrebbe trattare di una forma contrattuale che costa meno alle aziende rispetto a quelle a termine, chi avrà un contratto a tempo indeterminato non potrà godere subito delle tutele garantite agli attuali contratti stabili, ma le otterrà gradualmente.
  • Ammortizzatori sociali: una rete più estesa di ammortizzatori sociali sarà rivolta ai lavoratori precari con una garanzia di reddito per i disoccupati, proporzionale alla loro anzianità contributiva con chiare regole di condizionalit attraverso risorse aggiuntive a partire da quest’anno. Saranno rivisti anche i limiti della durata dell’indennità così come sarà richiesta una maggiore partecipazione delle aziende che vi ricorrono.
  • Modifiche degli articoli 4 e 13 su controlli a distanza e mansioni flessibili: la disciplina de icontrolli a distanza viene rivista con un’apertura all’utilizzo delle nuove tecnologia per la sorveglianza e il telelavoro, garantendo la tutela della dignità e riservatezza del lavoratore.
  • Incentivi al’impiego, ferie e conratti solidali: Il Jobs Act prevede l’istituzione di una agenzia nazionale per l’impiego al cui funzionamento si provvederà con le risorse umane, finanziarie e strumentali già disponibili. Si punta cioè a semplificare le procedure di assunzione e gestione dei rapporti lavorativi, introduccendo la possibilità di gestire tutti gli adempimenti di tipo amministrativo via internet. Nell’ottica di combattere la disoccupazione è prevista la semplificazione ed estensione dell’applicazione dei contratti di solidarietà per permettere alle aziende di aumentare l’organico riducendo l’orario di lavoro e la retribuzione del personale. Arrivano inoltre le ferie solidali, ovvero la possibilità di donare il proprio surplus di ferie ad un collega che ne ha bisogno per assistere figli minori che necessitano di cure.
  • TFR in busta paga: presentata alle associazioni datoriali e ai sindacati una proposta di superamento del TFR che preede un passaggio volontario della liquidazione in busta paga che, contariamente a quanto analizzato in prima istanza, non avrebbe nessun impatto sulla liquidità delle aziende. La quota di liquidazione lorda maturata annualmente verrebbe trasferitta totalmente o al 50%, in busta paga tramite credito bancario in soluzione unica, per chi scegliesse questa soluzione. Le imprese continuerebbero ad accantonare il TFR e pagherebbero l’importo della liquidazione al momento della chiusura del rapporto di lavoro non più al dipendente ma alla banca.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...